ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL GIORGIALINO

Il mio amore per la danza

DI: Alice Greco

E’ la prima volta che scrivo sul giornalino della scuola e l’ho voluto fare per parlarvi della cosa che più mi emoziona al mondo:la danza.
La mia passione è nata tra i mille colori e la musica all’età di quattro anni,quando per la prima volta sono salita su un palcoscenico. Ero una piccola farfalla in un bosco fatato,tutti mi guardavano,tutti mi applaudivano e tutto questo mi metteva paura, ma allo stesso tempo ero entusiasta di ballare e di far vedere a tutti le mie scarpette e il mio tutù.
All’inizio era solo un gioco,un modo per divertirmi e stare con le mie amiche, poi piano piano con il passare del tempo quella passione cresceva sempre di più.
Mi accorgevo che la musica mi faceva sognare e mi liberava da tutti quei pensieri e così ho iniziato a danzare…danzare con il cuore e ogni giorno l’amavo sempre di più. Non è facile descrivere quello che si prova nel danzare, solo chi lo prova può capire.
Per me danzare è esprimere le proprie emozioni, i propri sentimenti, quello che non si riesce ad esprimere con le parole.
Quando si apre il sipario in ogni spettacolo, si apre una magia, la magia che fa sentire ognuna di noi una principessa in un mondo fatato. I preparativi, l’attesa dietro le quinte, lo stress degli ultimi giorni, ti fanno salire l’ansia, tremare le gambe, battere il cuore all’impazzata, battere i denti dalla paura, ma poi quando si spengono le luci e fai l’ultimo respiro, inizia la musica e tutto passa, senti solo la musica e il corpo inizia a muoversi sulle note di quella melodia, così che inizio a volare fino a toccare il cielo con le punta delle dita e penso solo ai passi successivi a sorridere e a non deludere chi si aspetta tanto da me: la mia mamma, il mio papà, la mia insegnante.
Poi arrivano gli applausi, CHE EMOZIONE!!!! CHE BELLO!!!! Sono tutti per me, sono tutti per ognuna di noi.
La danza è qualcosa che devi portare nel cuore, che deve essere coltivata e mai tralasciata.
O LA SI AMA , O LE SI E’ INDIFFERENTE !