ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL GIORGIALINO

La processione del venerdì Santo a Licata

DI: Antonino Martorana

Ho deciso di partecipare al concorso “Racconta il Venerdì Santo” perché quella del Venerdì Santo è una processione che mi appassiona molto sin da quando ero piccolo. La folla devota, l’incedere lento delle statue, i petali di fiori e la Madonna Addolorata che segue Gesù a poca distanza, mi emozionano nel profondo del cuore. Questo giorno, così triste che rappresenta sia la fede che la tradizione licatese, è molto suggestivo e ha ispirato questa mia poesia con cui ho vinto il terzo premio.

ECCU CUMINCIA A PROCESSIUNI

Eccu cumincia a processiuni
chi vidi ‘ncruci lu nostru Signuri.
Tra strati e stratuzzi passa lu Cristu
e li genti affacciati su tutti ‘ngustiati.
Petali di sciuri tiranu di barcuni
mentri passa la prucissiuni.
Chianci a Madonna appressu u so figliu,
cu pugnali nu pettu chinu di duluri.
Chianci a Madonna lacrimi di sangu,
mentri u Signiruzzu si stannu purtannu.
Na folla si raduna sutta la cruci,
gridannu e priannu a gran vuci:
MISERICORDIA! MISERICORDIA
li nostri paroli
ca fannu scumpariri
i raggi du suli.
Poi d’ improvvisu tuttu si ferma,
lu cielu si tingi comu di scuru.
Eccu lu stannu isannu:
l’ occhi o cielu e u costatu chinu di sangu.
Cancella Signuri li nostri peccati
finu a u momentu chi saremu giudicati
unni lassari mancu ppi n’ ura
e guidanni tu nill’ ura cchiu scura.

Antonino Martorana