ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL GIORGIALINO

Non incartiamoci, ricicliamo !

DI: Davide Lucchesi

È da tempo iniziata la stagione invernale e noi studenti, a causa delle pessime condizioni climatiche, ci siamo visti costretti a disertare le lezioni già troppe volte. E tante sono state le ordinanze di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Ormai è sotto gli occhi di tutti: il clima, a causa del riscaldamento globale, è cambiato e l’ecosistema non è più come prima. Assistiamo,  anno dopo anno, allo scioglimento dei ghiacciai. L’uomo ha rotto il patto di alleanza con la natura e sta consumando, in breve tempo, le risorse limitate presenti nel pianeta. La plastica, dopo aver inquinato i territori, sta invadendo i mari, tanto da formare vere e proprie isole. È necessario rispettare l’ambiente e tutti siamo chiamati a fare la nostra parte. A tal proposito la nostra scuola ha aderito al progetto Scuola In carta, presentato dall’Amministrazione comunale ai dirigenti di tutti gli istituti scolastici della nostra città. L’obiettivo è sensibilizzare i gli alunni e, attraverso loro, le famiglie alla tutela dell’ambiente, raccogliendo la carta e avviando il suo processo di riciclo. In realtà, quando ne abbiamo parlato in classe, mi sono chiesto se riciclare un foglio di carta scarabocchiato o una busta dalla forma bizzarra potesse fare la differenza. Mi sono, quindi, documentato e ho scoperto informazioni interessanti: gli Stati Uniti producono abbastanza carta da avvolgere più volte il mondo e il suo ciclo di produzione  sfrutta circa il 12% di tutta l’energia utilizzata nel settore industriale; solo il 50% di tutta la carta prodotta viene riciclata; se ci impegnassimo veramente, riciclando potremmo risparmiare l’acqua necessaria a produrre nuova carta,  ridurre l’inquinamento dei mari del 35% e salvare 17 alberi per ogni tonnellata  di carta riciclata. Dopo aver letto queste notizie, ho capito che anche un foglio di carta, se riciclato, può fare la differenza. Così con i miei compagni sarò impegnato nella raccolta della carta a scuola in grandi contenitori, che verranno sistemati appositamente nell’atrio  ed ogni martedì recuperati dal personale  addetto del comune.  Un comportamento corretto e rispettoso dell’ambiente ci permetterebbe di recuperare il rapporto di equilibrio tra uomo e natura. Quindi, forza, ricicliamo !