ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL GIORGIALINO

Pagine di diario: emergenza Covid-19

DI: Cristina Magliarisi

03/06/2020
Caro diario oggi ho trovato questa pagina che avevo scritto qualche mese fa, pensare che sono cambiate molte cose mi rende felice. Vorrei condividere queste pagine con i miei amici, cosa ne pensi?
18/04/2020
Caro diario, ti scrivo veramente poco,  oggi avevo bisogno di parlare con qualcuno, ma data l’emergenza scrivo a te. Ormai da più di un mese ci troviamo nel bel mezzo di quest’emergenza Covid-19, e oggi più che mai grande aiuto è dato dalle tecnologie moderne. Il covid-19 è per noi adolescenti il virus che ci impedisce di stare con gli amici e le persone care, di uscire o andare a scuola; ma pensare che, non appena tutto sarà finito, questo sarà solo un ricordo, un indelebile tratto nella nostra vita, è un po’ l’unica cosa a darci “sollievo”. Questa sarà forse una buona occasione per capire che bisogna vivere ogni giorno fino in fondo, sempre gettando basi solide per un futuro migliore, una buona occasione per imparare ad apprezzare anche quando qualcosa sembra andare storto, ma soprattutto iniziare a dare tanto valore ai piccoli momenti, a volte brevi, ma passati con le persone alla quale teniamo. Ma adesso cosa è veramente il corona virus? Quali sono le reazioni del Covid-19 sull’organismo? Solitamente quando un virus attacca il nostro corpo si moltiplica, e per sopravvivere aggredisce le cellule; il sistema immunitario formula una risposta che si divide in due parti. La prima parte mette in gioco i macrofagi che inglobano i microbi e li distruggono divorandoli per arrestarne l’invasione, quindi i fagociti catturano le tossine rendendole inoffensive, questo può rallentare l’infezione ma non bloccarla del tutto. Se il virus è di maggiore entità si attivano i linfociti, cellule difensive che individuano gli agenti patogeni grazie all’antigene. I linfociti sono capaci di produrre molti anticorpi. La reazione difensiva del corpo è lenta, ed è questa la causa di grande vantaggio e per la quale virus aggressivi attaccano rapidamente l’organismo. Questo coronavirus sarà oltretutto un pezzo di storia, come molte altre pandemie avvenute nel tempo, prima di quest’ultima, nel 1968 per esempio, cioè 52 anni fa.
Caro diario, ti saluto questa sera questo con l’auspicio che tutto questo possa finire al più presto e si possa tornare alla vita quotidiana, con qualche insegnamento in più.