ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL GIORGIALINO

Pi Greco day: intervista al prof Cremona

DI: giuseppe cuttaia

Anche quest’anno, come di consueto, la nostra scuola ha aderito al “π day”. L’iniziativa quest’anno si è svolta in modo completamente diverso dall’anno passato. Sono stati messi a nostra disposizione i locali del porto turistico “Marina Di Cala Del Sole” e proprio qua si è volta la manifestazione. Il pomeriggio è trascorso tra giochi e quiz di ogni tipo. Tutti i professori si sono sbizzarriti e ci hanno proposto attività divertenti di ogni disciplina e tutte ruotavano attorno al concetto di Pi greco. Uno tra i più convolgenti è stato il Gioco della matematica. Io e la mia compagna Vincenza Militello abbiamo intervistato uno degli organizzatori di questo quiz: il professore Salvatore Cremona. Ecco di seguito l’intervista.

D: Professore, ci può illustrare brevemente il concetto di π?

R: Certo. E’ un numero fisso che si studia sin dalle elementari e non è altro che il rapporto tra una circonferenza ed il suo diametro.

D: Come siete riusciti a trovare i collegamenti con il π per le altre altre discipline?

R: Io e i vostri prof abbiamo cercato di realizzare attività che avessero a che fare con il cerchio o con i numeri del pi greco. Per l’educazione fisica, ad esempio, i professori hanno organizzato una staffetta e per testimone, invece del solito cilindro, è  stato usato un π tridimensionale. Per l’italiano invece, gli insegnanti di lettere hanno fatto scrivere ed imparare versi formate da parole con un numero di lettere uguale alle varie cifre del pi greco.

D: Da cosa è nata l’idea di proporre un quiz di matematica?

R: L’idea è nata dalla volontà di mettere in competizione le classi e di divertirsi insieme, dato che le domande non sono poi così complicate.

D: Questo gioco è una novità o è una cosa fatta da sempre?

R: Lo abbiamo ripreso da un gioco fatto l’anno scorso, proposto dalla professoressa Veneziano, e che ha avuto grande successo tra i ragazzi. Dunque questa è una riproposizione.

D: In cosa consiste il gioco?

R: Consiste nel rispondere a 10 domande molto velocemente e la squadra che risponde nel minor tempo possibile ottiene più punti.

D: Chi e quanti sono i partecipanti alla gara?

R: I partecipanti alla gara sono due alunni per ogni classe. In pratica 10 per le prime, 12 per le seconde e 10 per le terze.

D: Le è mai capitato di festeggiare il “Pi greco day” o di fare questo genere di attività in altre scuole?

R: NO. Questa è la prima volta per questo genere di attività.

D: Cosa pensa degli alunni che hanno deciso di partecipare?

R: Che sono stati molto bravi e hanno avuto coraggio a sfidarsi, a differenza di altri che hanno preferito osservare.

D: Che cosa pensa riguardo a questo pomeriggio di attività dedicate alla matematica?

R: Che è un modo per far amare la matematica anche ai più riluttanti, visto che se presa con volontà e con il giusto stato d’animo questa disciplina è persino divertente!