ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DIODORINO NEWS

CAMPI DI CONCENTRAMENTO IN CINA

DI: Marta Capuano

Siamo nel 2020, proprio in questi giorni  si parla come ogni anno di campi di concentramento, di stermini di massa : si sta infatti avvicinando il 27 gennaio, giorno della memoria in ricordo dell’olocausto degli Ebrei. Noi guardiamo a questi tristi avvenimenti del passato con orrore, ci chiediamo come è stato possibile che degli uomini abbiano fatto cose orribili ad altri uomini, eppure in questo stesso nostro tempo, nella moderna Cina, potenza economica che domina ormai con i suoi prodotti tutto il mondo, sta succedendo proprio la stessa cosa del periodo nazista. Sono  stati costruiti dei campi di concentramento per i musulmani uiguri, una minoranza etnica che professa la religione musulmana; ufficialmente il governo cinese li chiama” campi di rieducazione”, ma in realtà chi è scappato li descrive come dei veri e propri campi di concentramento, dove si viene torturati in modo atroce, separati dalle famiglie, stuprati, sottoposti all’elettroshock e infine costretti a rinunciare alla propria religione. Io credo che di queste cose si debba parlare, i telegiornali , i giornali dovrebbero dare risalto a queste notizie, in modo da spingere le organizzazioni internazionali che si occupano di diritti umani, a intervenire perché è importante che ogni persona possa essere  libera di dire, credere e pensare ciò che vuole e nessuno può permettersi di uccidere o maltrattare un essere umano solo perché la pensa diversamente o professa una religione propria. La Cina si deve fermare.