ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

VOLTA PAGINA

Cara Giorgia… a cura di Elia Mureddu 1 A-Sofia Mureddu-Francesca Meloni 3 A

DI: Luciana Putzolu

Dopo il film “La mia seconda volta” su Giorgia Benusiglio

Cara Giorgia,

hai deciso di far conoscere la tua storia e portare nelle scuole un messaggio che potesse aiutare i giovani a non sottovalutare anche solo una mezza pasticca, l’errore che ti è costato tanto caro… La tua battaglia sta avendo successo; il tuo impegno è stato la salvezza per molti ragazzi e finalmente il tuo sogno si concretizza con il film “La mia seconda volta” ispirato alla tua storia. Finalmente il ventun marzo abbiamo potuto immedesimarci in una ragazza apparentemente lontana dal mondo della droga che , per ingenuità, ha rischiato la vita. Forse ci aspettavamo di ritrovare la stessa Giorgia che, nella nostra scuola, raccontandoci la sua esperienza, ci aveva fatto emozionare. Non è stato proprio così…. La cosa che ci ha stupiti di più è stata vivere la storia di una ragazza che con te aveva in comune solo  lo stesso errore. La curiosità che ci ha spinto ad andare al cinema non nasceva tanto dal voler conoscere meglio i dettagli della tua vita, quanto dal voler assistere alla tua rinascita. Forse è stato il titolo ad ingannarci, perché ci aspettavamo di comprendere come hai ricostruito la “tua seconda volta”. Non ti nascondiamo la delusione nel vedere il film finire proprio quando potevamo finalmente capire meglio quanta determinazione e quanta forza siano state necessarie per rinascere. Tuttavia, se da un lato siamo rimasti un po’ delusi, dall’altro il film ci ha aiutati a capire quanto sottile sia il filo che ci lega alla vita.

“La mia seconda volta” ci ha permesso di concludere la riflessione che avevamo iniziato quando sei entrata nell’auditorium del nostro liceo. E quelle tue parole, che hanno risuonato così forti in una scuola piena di ragazzi segnati da un recente e triste avvenimento, rimarranno per sempre scolpite nei nostri cuori…Forse più delle immagini di un film.

Elia Mureddu 1A, Sofia Mureddu e Francesca Meloni 3A