ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL MEGAFONO

Baby consiglieri comunali: gli alunni dell’I. C. “G. Leopardi” lavoreranno per Licata

DI: Angelo Mugnos

Gli alunni dell’I. C. “G. Leopardi” sono stati proclamati stamattina baby consiglieri comunali, i ragazzi sono stati eletti in seguito al voto che si è tenuto negli istituti comprensivi cittadini. Dallo scrutinio, è emerso che, dei trenta nuovi componenti del baby Consiglio comunale, la metà appartenengono al nostro istituto “G. Leopardi”. Di seguito l’elenco:

1) Vincenzo Curella (Plesso Leopardi),

2) Cristian Vinci e Bianca Maria Campanella (plesso Don Milani);

3) Aurora Fatima Schifano, Aurora Zarbo, Kevin Timineri, Giorgia Cusumano, Iris Antona eAntonino Jonathan Consagra (1^ Media Bonsignore);

4) Carmelo Lauria e Gresia Vaccaro (2^ Media Bonsignore);)

5)Leonardo Sanfilippo, Gaia Mulè e Francesca Carla Generoso (3^Media Bonsignore).

I baby consiglieri presto inizieranno il proprio lavoro. Il consiglio comunale dei ragazzi è un organo molto simile a quello degli adulti. Ogni città, infatti, elegge un proprio consiglio comunale che ha il potere di controllare l’operato del sindaco e di contribuire alla formazione delle leggi cittadine. Da qualche anno molti comuni italiani hanno deciso di dare voce a noi ragazzi per favorire una collaborazione tra le scuole e l’amministrazione della città. L’idea del consiglio comunale dei giovani è nata a New York, negli Stati Uniti, il 20 novembre 1989, quando è stata firmata da 196 Stati di tutto il mondo la “convenzione sui diritti del fanciullo”. Nel consiglio comunale dei ragazzi possono essere eletti  gli studenti delle scuole medie e quelli degli ultimi due anni della scuola primaria. Ogni quarta e quinta elementare, infatti, può eleggere un consigliere. Alle medie, invece, eleggono per ogni classe due consiglieri. Il voto avviene scrivendo su una scheda il nome dei candidati. Se ci dovessero essere casi di parità, come nella politica dei grandi, si procede al ballottaggio, cioè uno spareggio durante il quale si deve scegliere uno tra i due candidati più votati. Il consiglio comunale dei Ragazzi può proporre delle iniziative e dare dei giudizi sui problemi che riguardano la gestione della città. Tra i compiti dei consiglieri c’è anche quello di eleggere il sindaco dei ragazzi. Dopo l’elezione del sindaco, il consiglio si riunisce dopo circa un mese per eleggere il Presidente e il Segretario. In questi casi possono essere eletti anche i bambini delle elementari dei primi tre anni. Per riuscire a sviluppare al meglio il loro lavoro, il consiglio viene aiutato da un adulto che ha il compito di permettere ai ragazzi di migliorare il paese anche attraverso una somma di denaro che viene messa a disposizione dal comune. Dunque, non ci resta altro che augurare un buon lavoro ai nostri amici!