ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL CANZONIER DI IGOR

ATTUALITÀ

DI: Daria Crismani

COME LE FAKE NEWS HANNO INFLUENZATO IL MONDO DELLA MODA

Di Matilde Scalcinati

È possibile pensare che le fake news siano riuscite ad influenzare anche il mondo della moda?
Ebbene sì, le fake news sono riuscite ad invadere anche il campo della moda e delle tendenze, che hanno risposto all’attacco con un movimento che può essere considerato tanto bizzarro quanto efficace.
L’iniziativa è partita dal brand “Topshop” che, notato il numero sproporzionato di fake news di tipo propagandistico a favore del presidente statunitense Donald Trump, ha deciso di prendere posizione ed inaugurare un movimento di protesta creando dei capi d’abbigliamento a tema fake news.
Sostanzialmente, il messaggio che sta dietro a questa iniziativa è indirizzato ai consumatori, per far loro comprendere l’ onnipresenza delle fake news in qualsiasi cosa che ci riguarda, partendo da ciò che indossiamo.
Il rilascio su tutti i punti vendita Topshop di un paio di jeans che riprendevano lungo i lati una striscia rossa con una trama costituita dalla scritta in ripetizione “fake news” ha suscitato scalpore tra gli acquirenti, che attoniti hanno iniziato ad interessarsi di più alle notizie false e a volerle smentire.
Da quel momento, un numero in continua crescita di case di moda ha iniziato a creare capi d’abbigliamento sul tema delle notizie e sull’importanza di essere informati su ciò che accade attualmente nel mondo, senza imbattersi in bufale e fake news che girano in rete.
Stampare riferimenti a notizie e fenomeni globali su una maglietta è un modo efficace per favorire l’informazione e accertarne la veridicità.
Molte volte non si dà peso a ciò che leggiamo sulle magliette o sui capi d’abbigliamento delle persone che ci circondano, forse perché reputiamo tali scritte una semplice decorazione o un dettaglio in più: ad oggi, possiamo affermare che quanto scritto sui capi di alcuni brand sia un messaggio, un modo per infomare, un fenomeno di divulgazione delle notizie insolito e al contempo geniale.