ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIORNALISMO SCOLASTICO

TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL MONDO IN UNA SCUOLA

Un insolito spettatore nell’amore di Romeo e Giulietta

DI: Angela Attanasio

Di David Salerno Classe 2 A –

Questa sera l’aria è tiepida e pulita e come profumano i miei bellissimi fiori! Il cielo è già rosso, le stelle tra poco si accenderanno e la mia amica luna verrà a farmi compagnia. Il canto degli uccellini inizia ad essere sempre più lontano mentre quello degli animali notturni inizia a farsi sentire. Ahhh…. che armonia! – Pum pum pum- che cos’è questo rumore? Forse è il padrone di casa che cerca di riparare la staccionata? – Pum pum- il rumore continua, allora provo a sporgermi con i miei rami più alti per riuscire a capire che cosa stia succedendo. Chi vedo? Un ragazzo con lo sguardo perso e una strana voglia di sorridere che interrompe il mio sonno. Credo di aver capito tutto. La primavera, la festa in maschera, c’è l’amore nell’aria! Improvvisamente si apre la finestra sopra di me…che succede? La bellissima padrona di casa, Giulietta, si è affacciata al balcone. Cosa farfuglia quella lì? Romeo, Romeo! Perché sei tu Romeo? Allora il ragazzotto si chiama proprio Romeo…ma ora chiudi la bocca che qua c‘è la natura che vuole dormire! Se non altro la serata non può ridursi in peggio, penso proprio di aver toccato il fondo. Ahia, ahia!!! Che dolore!!! Chi è lo stupido che mi tira i rami? Certo che non c’è proprio limite al peggio… Ora vado lì e gliene dico quattro!!! L’ira lascia il posto alla mio cuore che mi ricorda come mi stia comportando male… sono proprio un vecchio arbusto-rifletto-magari avessi ancora un’opportunità del genere con il mio gelsomino adorato! Ma un momento…oh mannaggia che guaio…. proprio loro due dovevano innamorarsi! Romeo e Giulietta sono i due giovani delle due grandi famiglie veronesi, ossia i Montecchi ei Capuleti! Accidenti come corrono quei due, si sono appena conosciuti e già parlano di matrimonio! Ahia, ahia!!! Romeo mi stai facendo ancora del male! Si, ho capito che la ami, giuralo sulla luna, sul sole, sulle stelle persino su tua sorella (sempre ammesso che tu ne abbia una!) però smettila di tirarmi i rami! Oh finalmente Giulietta se ne è andata. Ho un po’ di pace! Però che dolcezza…questi due si amano proprio! La natura è davvero beffarda, gli amori più belli, quelli che ci fanno battere il cuore e sentire le farfalle nella pancia sono sempre impossibili, come quello per il mio bel gelsomino tristemente potato dal mio acerrimo nemico: il giardiniere!”

David Salerno

(Classe 2A, scuola secondaria di 1° grado, Umberto I)